Fotoriproduzione

Printer-friendly versionSend to friendPDF version

Il laboratorio fotografico Il Laboratorio
Operante nella sede centrale di Perugia, il Laboratorio di fotoriproduzione ha svolto con continuità, fin dai primi anni di vita dell'Istituto, un servizio di riproduzione delle immagini dei documenti per diverse finalità: uso interno, garanzia della conservazione, sostituzione degli originali nella consultazione, richiesta da parte degli studiosi per motivi di studio o di pubblicazione.
Si è costituito così un prezioso e significativo archivio fotografico, che contiene fotoriproduzioni di documenti, fotografie e testimonianze della vita dell'Istituto.

La situazione attuale
Attualmente il servizio di acquisizione, rilascio copie e consultazione delle immagini con strumenti ottici tradizionali (microfilm e stampe fotografiche) non è più attivo. Il Laboratorio rilascia, su richiesta, scansioni e immagini in formato digitale ad alta e bassa risoluzione secondo il tariffario allegato.

Si intendono per:

Scansioni: fotoriproduzioni a colori da originali, adatte a uso personale e di studio. È possibile eseguire le scansioni solo di documenti sia sciolti che rilegati che, in originale, non superano il formato A4, e di documenti sciolti che, in originale, non superano il formato A3.

Immagini digitali a colori: fotoriproduzioni da originali, in formato JPEG. In caso si necessiti di immagini digitali in formato TIFF, è consigliabile accordarsi preventivamente con gli operatori del Laboratorio di fotoriproduzione.


Serie digitalizzate

Sono attivi su richiesta degli studiosi il servizio di rilascio su supporto informatico di riproduzioni di materiale documentario già digitalizzato e la consultazione delle serie documentarie digitalizzate. 

Fotocopie
La riproduzione su copia cartacea è consentita solo per le copie conformi, rilasciate in carta bollata (motivi non di studio), o per le mappe catastali.

Materiale escluso dalla fotoriproduzione

Sono esclusi dalla fotoriproduzione i seguenti documenti:

  • tutti i documenti eccedenti il formato A2 (cm 42×59,4);
  • documenti in cattivo stato di conservazione o facilmente deteriorabili o che potrebbero essere compromessi dalle operazioni di fotoriproduzione.


Fotoriproduzione con mezzi propri
Gli studiosi possono effettuare fotoriproduzione con mezzi propri della documentazione archivistica in consultazione, secondo quanto stabilito dal Regolamento della Sala, al quale si rinvia.

 

Riproduzioni a scopo di lucro

Nei casi in cui le riproduzioni di beni culturali e/o il riuso delle relative copie o immagini siano effettuati a scopo di lucro, il richiedente è tenuto al pagamento di un corrispettivo, che viene determinato moltiplicando la tariffa unitaria riportata nel tariffario allegato in calce (All. 1) per un coefficiente differenziato in funzione dell’uso/destinazione delle riproduzioni (vedi Tabella in All. 2) e per un coefficiente relativo alla quantità delle riproduzioni da effettuarsi o relativo alla tiratura (vedi Tabella in All. 3; i coefficienti di quantità e tiratura sono applicati alternativamente in funzione della tipologia di mezzo utilizzato per la riproduzione del bene: ad esempio, tiratura per le pubblicazioni, quantità per i gadget).

 

I pagamenti relativi a servizi resi dall'Istituto, come per esempio fotoriproduzioni e fornitura di copie in formato digitale del patrimonio conservato, devono essere effettuati esclusivamente tramite il Portale pagoPA, seguendo le istruzioni proposte dalla pagina web al seguente indirizzo:
https://pagonline.cultura.gov.it/pagamenti-pagopa/operazioni/home.do/